Lo real maravilloso

Dopo aver letto le opere di Gabriel García Márquez, Isabel Allende, José Lezama Lima, Borges, Carpentier, João Guimarães Rosa, Cortázar, Sepúlveda, Salman Rushdie, Bontempelli, Dino Buzzati, Calvino, Rodari, Kafka e Bulgakov, ho deciso che volevo vivere in quel modo.

Tralasciando le disquisizioni sulla più o meno corretta appartenenza di questi autori ad un medesimo filone letterario ma considerando anche solo l’aria che si respira tra le pagine di tutti loro, ho cercato di individuare una serie di tratti comuni che potessero diventare per me, spunti di stile di vita.

Una caratteristica comune è sicuramente la costanza del cambiamento e la compresenza, inevitabilmente contrastata, della diversità, sempre vista però come ricchezza. Mentre un povero si fa ricco, un potente perde la sua autorità, un vinto vince e un morto vive. Il mondo è un enorme groviglio di punti di vista e di modi di stare al mondo e la vita gioca a cambiare le cose per vederli ballare.

Allo stesso modo anche il tempo può perdere l’inganno della sua linearità. La grande relatività del tempo può congelare gli anni, farli scorrere come fiumi in piena e addirittura confonderli in futuri ricordi e preveggenti passati.

Compreso ed accettato tutto ciò, diventa più semplice anche il concetto più affascinante e controverso, l’accettazione cioè dei fatti strani, inspiegabili, incredibili, ovvero magici, come fatti veri. Certamente capiterà che avvenimenti giudicati straordinari da un lettore europeo possano essere considerati comuni da un lettore latinoamericano ma da italiana sono ben felice di trarre vantaggio dalla nostra pittoresca tradizione popolare e mentalità.

Da qui può allora nascere l’abilità nel trasformare attivamente, nella vita di tutti i giorni, il normale in incredibile e goderne i dolcissimi frutti.

Lo stile narrativo e lessicale invece mi suggeriscono un approccio sempre sperimentale, che consiglio di trasporre nella propria routine quotidiana, per smacchiarla dalla noia.

Un’altra costante che leggo come basilare condizione di vita è la ribellione ad ogni forma di totalitarismo e autorità limitante della propria libertà.

In ultima, l’ironia e il sarcasmo, se vengono, vengono sempre per aiutarti.

Realisti magici, separatevi e leggete!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *